Tradurre la letteratura è un corso di perfezionamento in traduzione editoriale che nei suoi ventitré anni di storia ha accolto più di 400 allievi. Il corso rientra fra le diverse attività di alta formazione organizzate dalla Fondazione Unicampus San Pellegrino che, oltre alla laurea triennale in Mediazione Linguistica, includono anche corsi post laurea e post dottorato, come la Nida School of Translation Studies.
Tradurre la letteratura è rivolto a laureati di qualsiasi livello e in qualsiasi disciplina, desiderosi di seguire un percorso professionalizzante.
Nelle tredici settimane di corso si alternano laboratori di traduzione, lezioni di editoria e seminari tenuti da traduttori, redattori, editori. Nelle lezioni e seminari gli allievi si trovano tutti insieme, mentre nei laboratori si distribuiscono nelle singole lingue scelte. Ogni allievo può seguire laboratori da due lingue fra francese, inglese, portoghese, russo, spagnolo, svedese e tedesco o, in alternativa, da una sola lingua.
Nei laboratori di traduzione si lavora in piccoli gruppi affrontando testi editoriali di natura diversa e con diverse difficoltà traduttive. I laboratori sono tenuti da traduttori professionisti di grande esperienza e capacità didattica, che seguono gli allievi per tutta la durata del corso. In classe gli allievi discutono le traduzioni preparate a casa e a volte traducono collettivamente testi per editori italiani. Nei laboratori vengono anche presentate le risorse disponibili per i traduttori, senza dimenticare alcuni cenni sugli aspetti pratici e quotidiani della professione, così come sull’etica della traduzione. L'obiettivo è lasciare agli allievi tutti gli strumenti possibili per poter diventare professionisti autonomi e completi in grado di entrare subito nel mercato editoriale odierno.
Il laboratorio di inglese è tenuto da Franca Cavagnoli e Anna Mioni, quello di francese da Emanuelle Caillat, quello di portoghese da Sandra Biondo, quello di russo da Giuseppe Ghini, quello di spagnolo da Ilide Carmignani, quello di svedese da Katia De Marco e quello di tedesco da Giovanni Giri.
Nelle lezioni di editoria di Daniele Brolli si illustrano le caratteristiche delle case editrici italiane e si forniscono indicazioni su come si formula una proposta di traduzione con relativa scheda di lettura.
Nei seminari, l’offerta formativa si arricchisce di contributi che toccano i vari aspetti della traduzione editoriale: la filiera del libro e gli strumenti del traduttore (Ilide Carmignani); gli aspetti economici e fiscali: contratto, diritti, tariffe (Sandra Biondo); la proposta per gli editori (Giovanni Giri); la traduzione della narrativa di genere (Alessandra Roccato); la traduzione dei libri per ragazzi (Simona Mambrini); la traduzione dei fumetti e graphic novel (Andrea Toscani); la traduzione audiovisiva (Fabiana Ribero Scali); la traduzione della poesia (Davide Rondoni), mentre un modulo è dedicato alla revisione e editing (Giovanna Scocchera) e uno alle teorie della traduzione letteraria (Franco Nasi e Angela Albanese). Un altro spazio importante è dedicato a testimonianze e lezioni laboratoriali tenute da traduttori e editor (Yasmina Melaouah, Mariarosa Bricchi, Luca Briasco), consapevoli che l’insegnamento della traduzione letteraria avviene non attraverso una serie di norme a cui aderire ma solo affiancandosi a un professionista e osservando come lavora.
A fine corso, oltre all’attestato di partecipazione, viene offerta la possibilità di concorrere a prove di traduzione per diversi editori italiani. La selezione ha come obiettivo l’assegnazione dei testi da tradurre. A volte la revisione viene fatta dal proprio docente del laboratorio e in questo caso l’intera esperienza si accresce di un valore formativo supplementare. La selezione e la somministrazione dei testi da tradurre prosegue fino all’inizio del corso successivo e, in questo modo molti allievi ottengono la possibilità concreta di iniziare a tradurre e costruirsi così un curriculum. Nel panorama della traduzione editoriale italiana sono molti i traduttori oggi che con Tradurre la letteratura hanno iniziato il loro percorso professionale.
La Fondazione Unicampus San Pellegrino, sede del corso, si trova davanti al mare a 10 minuti a piedi dalla stazione ferroviaria. Per il pernottamento del venerdì ci si serve di hotel e b&b convenzionati.
Il corso si svolge a partire dal 18 ottobre il venerdì dalle ore 15:00 alle ore 19:15 e il sabato dalle ore 08:45 alle ore 13:00 presso la sede della Fondazione Unicampus San Pellegrino (via Massimo d'Azeglio 8, ingresso via Platani 86, Misano Adriatico - 47843, Rimini (RN). La conclusione del corso è prevista per sabato 1 febbraio.

Il corso di perfezionamento "Tradurre la letteratura" è organizzato dalla Scuola Superiore per Mediatori Linguistici San Pellegrino.

Esame di ammissione
Il corso è un'occasione per iniziare a costruire il proprio percorso professionale. Grazie alla collaborazione con numerose case editrici italiane, gli studenti hanno l'opportunità di firmare il loro primo contratto di traduzione.
Per la struttura seminariale dei laboratori di traduzione e per offrire un rapporto diretto con i docenti e le case editrici, il corso è a numero chiuso. Per l'ammissione è necessario sostenere un esame di ammissione e presentare il proprio curriculum di studi. Il test (della durata di tre ore) consiste in una traduzione della lingua straniera scelta verso l'italiano.

L'esame di ammissione si svolgerà nelle seguenti date:
6 settembre 2019 ore 14.00 a Misano Adriatico nella sede della Fondazione Unicampus San Pellegrino, via Massimo D'Azeglio, 8.

27 settembre 2019 ore 11.00 a Roma durante le Giornate della Traduzione letteraria, presso il Casale di S. Pio V dell'Università degli Studi Link Campus University.


Per iscriversi all'esame di ammissione è necessario effettuare un bonifico di € 25,00, con causale: "Iscrizione esame di ammissione a TL 2019 + NOME E COGNOME CORSISTA" e compilare il modulo di iscrizione cliccando sul seguente link: Iscrizione all'esame

Qui di seguito riportiamo i dati bancari necessari ai pagamenti:

Conto corrente intestato a: Fondazione Unicampus San Pellegrino
IBAN: IT38I0579267860CC0860007968 (Attenzione! il 5° carattere dell'IBAN è una "I" e non un "1")

Costo e modalità di pagamento
Il costo del corso è di € 2.200,00.
- € 1.000,00 entro l'11 ottobre 2019; € 1.200,00 entro il 15 dicembre 2019.
oppure
- € 700,00 entro l'11 ottobre 2019 e il resto dell'importo è finanziabile a tasso 0 in 12 rate.
Nella causale del bonifico è necessario indicare COGNOME NOME corsista + I rata TL 2019.

Conto corrente intestato a: Fondazione Unicampus San Pellegrino
IBAN: IT38I0579267860CC0860007968 (Attenzione! il 5° carattere dell'IBAN è una "I" e non un "1")

Dopo avere effettuato il bonifico occorre inviare copia della ricevuta all'indirizzo e-mail: traduzione.editoria@fusp.it